Posts Tagged: vaccino

l’orrore di una medicina che non cura

Ho letto su INternazionale un articolo vergognoso.
Così, ho scritto al suo direttore. Vi dirò se otterrò risposta.

.
Gentile Direttore,

da fedele abbonata, da attenta lettrice, da persona adulta, da madre, da donna e da cittadina le scrivo.
Con orrore crescente ho letto l’articolo contenuto nello scorso numero 924 firmato da Michael Specter e titolato “Resistenti al vaccino”.
Affermazioni come

diversi studi dimostrano che i vaccini contro il morbillo sono sicuri e non hanno nessun rapporto con l’autismo

mi turbano profondamente, soprattutto se presentati senza un contradditorio, senza una fonte di riferimento (dato che i dati della Food& Drug Adm. dimostrano esattamente il contrario) e gettati a fondamenta di una tesi più simile a una chiacchiera da bar che a una ricerca accurata. Su che criterio avete selezionato la fonte? Forse che il New Yorker vi sia stato sufficiente?

Gentile Direttore, a un leghista che le cita l’aggettivo “padano” nel marchio del Grana come fondamento socio-culturale dell’esistenza della Padania, cosa risponde?
Come le è dunque possibile con leggerezza permettere la pubblicazione di un articolo che accusa chi sceglie di non vaccinarsi un pericolo per la società, una mina vagante, un pessimo cittadino?
Ci sono stati anni in cui denunciare un vicino di casa di differente religione o colpevole di amare persone del suo stesso sesso era atto di patriottismo. O anche: è solo recente conquista il riconoscimento che la violenza sulla propria compagna sia una violenza alla persona, come tale perseguibile e non, com’è stato da sempre, una sorta di diritto naturale del maschio sulla donna di sua proprietà.
Negare i numeri delle vittime delle vaccinazioni di legge è negare la nostra storia civile, di cittadini e di utenti di una sanità (nazionale e mondiale) controllata -come tanti altri settori- da interessi economici prima che dalla tutela della salute pubblica. Affermare altresì che un virus dichiarato pandemico

potrebbe dissolversi, come pare sia avvenuto all’H1N1

poi, significa non curarsi di un macchina del terrore sanitario globale che include inutili quanto redditizie iperproduzioni farmaceutiche, razzismo alimentare e compattamento politico nazionale.

Gentile Direttore, mi piacerebbe presentarle mia nipote, una bimba adorabile, diventata autistica dopo una febbre da post-vaccinazione ordinaria anti-morbillo che le ha dato terribili effetti collaterali. O vorrei che fosse stato al mio fianco di fronte al mio pediatra, formatosi ai corsi di aggiornamento finanziati dalla grandi farmaceutiche, convinto sostenitore dei benefici del vaccino.
La ragione addotta più frequentemente alla sicurezza dei vaccini è che non hanno sintomi. Ma mi dica, gentile Direttore, quanto definerebbe sicuro un qualunque farmaco che le provocasse una reazione con febbre oltre i 40°?
Provi a segnalarlo al suo dottore. E provi a sentirsi dire che “è una reazione normale”, gentile Direttore, e che è lei ad avere qualcosa che non va.
Provi a recarsi all’ASL e chiedere vaccini singoli, non depotenziati al mercurio, a rifiutare l’esavalente e a chiedere di esercitare il proprio diritto -in qualità di cittadino italiano- al dissenso informato. La prego, gentile Direttore, provi.
Io l’ho fatto.
E le dico che non è facile. Che i luoghi comuni, come quelli propagandati da questo articolo superficiale e fazioso, sono così lenti da sradicare che occorre l’impegno in prima linea di tutti noi. E che di certo non aiuta nessuno un articolo fondato sul paragone tra croste secche di vacca vaiolosa e moderni ritrovati scientifici contro ogni tipo di virus; che esiste, che verrà e che, in ogni caso, sarà pubblicizzato a dovere per garantire un buon ritorno d’immagine e un profitto a molti, moltissimi zeri.
Il dissenso informato è una conquista di tutti i cittadini italiani, gentile Direttore, e non solo delle regioni da voi citate.
Ma il dissenso informato prevede che esista un’informazione approfondita sui rischi di ogni trattamento, anche se in altre epoche e su altri morbi ormai eradicati ha ottenuto validi risultati su larga scala.

Gentile Direttore, vorrei che lei tenesse impegno all’elevata qualità da sempre perseguita dal suo periodico, offrendo nei numeri a venire un approfondimento al discorso delle vaccinazioni, con cifre e indagini attendibili, in un contradditorio tra sostenitori e critici.
Lo deve ai suoi lettori e lo deve a me, madre di due figli con una rara malattia genetica per cui ogni stato febbrile diventa un pericolo dalle conseguenze imprevedibili.
Ha mai provato, gentile Direttore, a sentirsi definire “un pessimo padre” perché si rifiuta di sacrificare i suoi figli nel roveto ardente dei loghi comuni?

Con rispettoso affetto.

FacebookTwitterGoogle+condividimi | share me

per favore, non vaccinatevi!

da molto tempo ho imparato che quando sento parlare di categorie a rischio non si tratta di un gruppo umano da proteggere bensì di un segmento di mercato sicuro.
allo stesso modo, quando i media nominano un gruppo di vittime non stanno parlando di solidarietà ma di testimonial gratuiti.
ecco che, anche quest’anno, torna la pandemìa dell’influenza invernale che, come ogni volta, mieterà più vittime della famigerata e ormai mitica «spagnola».
quella delle possibili pandemìe mondiali, dei virus sempre in agguato, dell’organismo trasformista in stile arturo brachetti pronto a una tournée devastante nel nostro apparato cardio-circolatorio è lo spauracchio dell’uomo adulto contemporaneo. quello che era l’uomo nero per i bambini, il mostro che li costringeva a ingollare l’odiata minestra senza far troppe polemiche, è oggi lo stesso che ci spinge a farci iniettare nel braccio sostanze di ogni sorta senza avanzare la minima critica.
è sulla fobia di qualcosa che potrebbe accadere e sarebbe catastrofico che oggi esiste la corsa ai vaccini. è la follia della guerra preventiva su scala globale e per questo siamo tutti chiamati a mettere in campo il nostro esercito immunitario per combattere ognuno la sua battaglia al nemico invisibile: il grande V.
e in questa chiamata in massa di buoni propositi, può succedere che qualcuno dimentichi di porsi la domanda essenziale: ma chi me lo fa fare?
la risposta è quasi ovvia: te lo fa fare chi ci guadagna sopra.

lo so: tolgo poesia e anche ardore a questa guerra delle lodevoli intenzioni. ma qui ci va di mezzo la salute di tutti noi.
proprio in questi giorni, assistiamo a un balletto interessante dei media. l’overture è stata l’annuncio di una nuova influenza, ovviamente letale: livello massimo nella scala pandemica dell’OMS. poi, durante il primo atto, ci si è premurati di tenere sotto controllo il panico e di annunciare l’arrivo presto in commercio di un vaccino perfetto per il ceppo malefico. durante l’intervallo, un messo ha informato il direttore di sala che il vaccino era pronto per essere immesso in milioni di esemplari sul mercato. in questo momento, siamo in pieno secondo atto dove i ballerini di seconda fila più deboli e acciaccati già di loro vengono promossi a protagonisti in modo che il pubblico li veda cadere e lasciare la scena mentre alla platea tutta si raccomanda caldamente l’acquisto del vaccino testé disponibile all’uscita del teatro.
e voilà.
per milioni di individui che comprano il vaccino stagionale, milioni di incassi sono l’introito garantito delle case farmaceutiche e del loro indotto diretto. ma a quelli che si fanno inoculare sieri non meglio identificati, chi ci pensa?
anche qui, la risposta è ovvia: nessuno.

un vaccino pensato per un virus isolato pochi mesi prima ha due caratteristiche possibili: o è riciclato da formule pre-esistenti (e, dunque, può funzionare come no) o non è stato testato sulle persone.
se la prima ipotesi è discutibile, la seconda è certa.

le campagne di vaccinazione di massa dell’infanzia, degli anziani e di tutte le categorie cosiddette a rischio sono la moda del millennio. se non hai nemmeno un virus esterno inoculato da qualche parte sei un pezzente, un irresponsabile.
eppure, non esiste nessuno studio condotto secondo principi di ricerca attendibili (ad esempio, uno studio a doppio ceco su vent’anni di vita dei bambini vaccinati con la malefica esavalente) e sul lungo periodo, dei danni causati dai vaccini sul corpo umano.
perché, da un certo punto in poi, la medicina ha dato per certo che i vaccini sono una pratica sicura.

se non volete credere, fate un test, veloce veloce: chiedete al vostro farmacista (o al vostro pediatra) qualche informazione in più sul vaccino che state pensando di farvi e ditegli che avete dubbi sia sulla sua efficacia sia sulla sua sicurezza. la risposta suonerà più o meno come:
«ah, ma guardi che, da quando faccio questo mestiere, ho visto almeno 3mila persone vaccinarsi con questo prodotto e nessuna ha mai avuto problemi».
bene.
ora, invece di sentirvi rassicurati, provate a pensare che:
- se alle stesse 3mila persone aveste dato da bere del latte, o da mangiare delle uova o una foglia di lattuga, avreste trovato almeno un individuo allergico a tale alimento;
- se alle stesse 3 mila persone aveste dato da mangiare un pezzo di pane, avreste trovato almeno un intollerante al glutine o addirittura un ciliaco;
- per ognuna delle due intolleranze sopra menzionate, ci sarebbe stato almeno uno shock anafilattico o un possibile decesso.
naturalmente, le probabilità che troviate intolleranze e allergie in 3000 individui sono molto maggiori di una. eppure, quando il nostro medico o farmacista ci assicura che il vaccino è completamente sicuro, noi tiriamo un bel sospiro e porgiamo il braccio per il siringone ignoto.

per favore: spegnete la televisione e ragionate con la vostra testa, prima di farvi vaccinare.
i medici, i farmacisti, gli operatori sanitari sono persone come tutti noi. i loro corsi di aggiornamento vengono finanziati dalle case farmaceutiche, le loro ricerche sono pubblicate su riviste che dipendono dalla pubblicità delle aziende di settore e anche loro, come ogni segmento professionale, sono soggetti alle mode e alle terapie più in voga al momento.
non è cattiveria, ma esiste un vizio profondo in tutto il sistema. e il vaccino alla cieca è il risultato ultimo di questo circolo di imbecilli.
però voi, che siete pronti con il braccio, vostro o dei vostri figli, per favore: fate domande e valutate con molta attenzione e capacità critica le risposte.
paesi europei dove la sanità non si gioca durante i festini con le troie nei palazzi del potere, hanno già abbandonato le campagne di vaccinazione obbligatorie dell’infanzia. il calendario che consegna l’ASL per ogni nuovo nato prevede circa 27 inoculazioni nei primi 12 anni di vita. e poi, ogni anno, esiste una campagna di forte pressione mediatica alla vaccinazione degli adulti e delle categorie a rischio (potenzialmente, tutti).
quest’anno il vaccino antinfluenzale è consigliato a donne incinta, operatori sanitari e anziani.
ma nessuno può prevedere che effetto avrà questo vaccino sui feti, nel sangue di chi è più a contatto con le malattie e in chi è fisicamente debilitato.

il virus influenzale è particolarmente versatile e si adatta rapidamente: la campagna di vaccinazione di massa può, paradossalmente, contribuire alla formazione di un ceppo nuovo, più resistente.
se degli anziani moriranno o si aggraveranno le loro condizioni di salute, si potrà dire che è questione di età.
e se ci saranno nuovi nati con problemi, sarà facile dire che erano già presenti nel codice genetico piuttosto che legarli al vaccino.
i vaccini non sono sicuri come si tende a dire con grande leggerezza. e non è così importante realizzare degli studi attendibili perché ogni eventuale danno porterebbe solo alla creazione di nuovi malati che saranno curati dallo stesso sistema che li ha danneggiati.
la storia del novecento riporta purtroppo troppi casi di danneggiamenti di massa causati da teorie mediche non adeguatamente comprovate da una sperimentazione preventiva responsabile.

per favore: prima di vaccinarvi, siate spietati col sistema, massacratelo di domande, chiedete e pretendete. non leggete gli opuscoli colorati dal titolo ingannevole come «vaccinarsi conviene» o «il vaccino mi fa bene» o «se ami tuo figlio, vaccinalo». leggete quello che dice la legge, temporeggiate, rimandate la decisione, esigete i bugiardini e leggeteli con estrema cura. male che vada, quando avrete finito sarà primavera e voi e i vostri cari sarete tutti sopravvissuti alla terribile pandemìa invernale senza danni.
riflettete, pensate, chiedete, discutete, criticate.
nemmeno il latte va bene per tutti.
perché dovrebbe esserlo una siringa piena di tossine e virus?